CONDIVIDI

Conclusa la stagione 2014 per gli Ufo 22 con l’essegnazione dell’ultimo dei sei trofei messi in palio dalla Classe.

 

Con lo svolgimento di una prova soltanto a causa di un vento praticamente assente, si è conclusa la Garda Cup degli Ufo 22, ultimo atto di una stagione intensa.

L’Ufo d’autunno, andato in scena nel fine settimana appena concluso nelle acque di Torri, sul Garda, ha regalato la vittoria, nella sola manche disputata con un’aria non ben identificata intorno ai 2-3 nodi, al presidente di Classe Giorgio Zorzi che si è presentato con un equipaggio rimaneggiato sulla sua Blu Moon Econova. In attesa delle nozze che avranno luogo tra meno di una settimana, a bordo sono stati presi gli ultimi accordi tra lo sposo, che ha mantenuto ben saldo il timone, la sposa Renata Tomasoni e Roberto Delaini che, lasciata in secca la sua Flò, si è imbarcato nel ruolo di preparatore del bouquet. Le idee e i confronti non hanno impedito a Zorzi però di concentrarsi sulla gara e di portare a casa l’oro. In scia hanno chiuso Happy Fly con l’armatrice Angela Treccani a prua, Elvio Mori al timone e Giovanni Panzera, seguito da Chimin de mer di Pietro Sartori che con questo risultato da podio sorpassa in classifica generale Garda Cup Pasquale Errico su Dragone. Secondo e terzo sono rispettivamente le loro posizioni finali dopo i sei appuntamenti di stagione con Freedom di Cristina Dovara con Lorenza Mariani al timone a superarli tutti e a conquistare il trofeo 2014.

Sono sei in totale i trofei che la Classe assegna durante la stagione. Il titolo Nazionale vinto da Moijto di Nicolò Passeri che si aggiudica anche la Alpen Cup, quello europeo conquistato poche settimane fa da Turboden di Paolo Bertuzzi con alla barra Checco Barbi, e i tre altri circuiti: Terra e Mare Cup assegnata a Giorgio Zorzi dopo quattro prove, Garda Cup Long Distance andata a Nexis di Luca Brighenti dopo cinque manche e Garda Cup che, come dicevamo, è nelle mani delle ragazze di Freedom.

Gli Ufetti adesso si fermeranno qualche settimana dopo le fatiche di una stagione che ha regalato tante emozioni e ha messo in luce un buon equilibrio in una Classe che stagione dopo stagione cresce in termini di potenzialità e competitività.