CONDIVIDI

Seconda tappa di Terra e Mare Cup per gli Ufo 22 a Sarnico

 

Seconda tappa della Terra e Mare Cup per gli Ufo 22 che a Sarnico, sponda bergamasca del lago d’Iseo, ospiti del Circolo Nautico Sarnico, vengono impegnati su tre prove con un’aria di perturbazione intorno ai 12 nodi che preoccupa e diverte.

 

La lotta, nella prima giornata, è tutta concentrata tra Incubo, armato dal cantiere Terra e Mare, Mia Milù di Antonio Confalonieri e Blue Moon Econova del Presidente di Classe Giorgio Zorzi. Sono sempre loro ad occupare le posizioni di vertice in tutte e tre le manche in programma, con capolino di Spina nel fianco di Giuseppe Caramatti in gara 1 che riesce a conquistare il podio.

Gara serratissima dunque tra i tre contendenti che vogliono conquistare i punti della Terra e Mare Cup e che non si risparmiano. A chiusura di giornata, dopo passaggi in boa in cui anche le frazioni di secondo nelle manovre sono state preziose, guida la overall provvisoria, cercando di doppiare il bis della prima tappa, Incubo, campione Nazionale 2015 che, in questo appuntamento ha scelto Pietro Corbucci per il ruolo di driver. In barca, l’armatore Roberto Benedetti alla tattica e Paola Rubagotti. Ad una sola lunghezza di distanza fiata sul collo Mia Milù con Davide Bianchini al timone e Cesare Togni. Anche Zorzi non resta a guardare e, con il fratello Michele e Monica Brentegani in sostituzione di Mara Trimeloni che tornerà al suo posto domani, cerca di arginare i diretti competitors.

 

La race è tutta ancora molto aperta, anche se il trio oggi ha fatto vedere numeri un passo più avanti, perché domani, l’entrata dello scarto potrà ribaltare un po’ le cose.

 

Classifica dopo tre prove:

  1. Incubo – 1 3 1 tot. 5
  2. Mia Milù – 2 2 2 tot. 6
  3. Blue Moon – 4 1 3 tot. 8
  4. Spina nel fianco – 3 4 8 tot. 15
  5. Era Ora – 5 7 4 tot. 16

…seguono altre 5 imbarcazioni.