CONDIVIDI

Con il trofeo “Antico Eden”, domenica 7 luglio ore 12,30 è partita anche la Iseo Cup 2013; serie di regate tra le classiche del lago d’Iseo, riservate ala Classe Ufo 22, tra gli Ufo 22 mette la prua davanti a tutti Moijto timonato da Davide Bianchini con centrale il papà Bianchini ed a prua anche nelle vesti di armatore il giovane Passeri.
L’ora non si è fatta attendere più di tanto, ed alle 12,30 il comitato ha potuto dare la partenza, percorso classica“lunga” su 3 boe con partenza davanti ad Iseo, stacchetto di bolina boa di ritorno nella parte alta del lago (loc. Vello).
La rottura della grù del circolo ordganizzatore non ha certo favorito la discesa in acqua degli equipaggi, ma gli Ufo 22, pur con qualche tribolazione aggiuntiva, con 4 equipaggi scesi in acqua (Jack Sparrow, Era Ora, Spina nel Fianco e Moijto) ha fatto classe e questo basta per una giornata di sana competizione, e così è stato e ve lo vado a raccontare.
Partenza tiratissima con una serie incroci pericolosi già sulla linea di partenza e fino alla boa dello stacchetto, 3 ufetti in fila issano il gennaker subito dopo la boa con Spina nel fianco che segue un po’ attardata dopo altre barche, ma bastano pochi minuti per vedere il quartetto degli ufetti in fila davanti a tutti dirigersi verso il Corno, guida il gruppetto Mojito che si un poco allungato seguito da Era Ora e Jack Sparrow che già si marcano, chiude Spina nel Fianco.
Al corno prima bagarre di strambate che prosegue fino alla punta nord di Montisola, Spina nel Fianco recupera e si prende il centro lago tallonando Era Ora passata al comando, Moijto si tiene verso l’isola subito dietro e Jack Sparrow si prende la sponda Bergamasca.
Il vento gira e si raggiunge la boa di Vello con un bel traverso sempre sotto gennaker, gira primo Era Ora, seguito da Spina nel fianco, ammainata e inizio della bolina, verso Montisola, Moijto e Jack Sparrow scelgono invece una uscita più larga verso la sponda bergamasca, dando quasi subito di nuovo gennaker.
A tre quarti di regata, anche per Spina ed Era Ora che si contendono la testa della regata, è il momento dell’issata del Gennaker, ma dura poco il vento cala di colpo e diventa instabile … tutti fermi !
Con queste condizioni si rimescola tutto, i Surprise che seguivano intuiscono che l’unica aria è presente la ridosso di Montisola e iniziano una lenta, ma costante discesa in recupero, Era Ora da quel lato, a fatica li raggiunge per sfruttare quell’aria, Moijto riesce comunque sulla sponda opposta a trovare un leggerissima pressione che gli consente di tagliare primo degli Ufo 22 il traguardo seguito da Era Ora e da Spina nel fianco e Jack Sparrow rimasti sventati per circa tre quarti d’ora in centro lago fino all’arrivo dell’aria temporalesca che girava sul campo di regata già da un pò.
Questa la classifica del trofeo Antico Eden, che per ora è la stessa dell’Iseo Cup 2013:

– 1 – Mojito ITA42 Passeri – Bianchini – Bianchini
– 2 – Era Ora ITA58 Errico – Baj – Cattaneo
– 3 – Spina nel fianco ITA93 Caramatti – Rivi – Martinelli
– 4 – Jack Sparrow ITA18 Vitali – Fenaroli – Merici

Prossima tappa la mitica 3 isole … a presto!
Gianfranco